Share

Amichevoli, Italia-Francia 1-3 Parte male l’era di Ventura

L’inizio è un colpo al cuore. Perché una parte, per fortuna piccola, della curva Nord barese si lascia andare a fischi miserabili durante l’inno francese e dopo poco più di un quarto d’ora Chiellini, uno degli uomini più affidabili del gruppo, liscia il lancio di Pogba che diventa l’assist ghiotto per l’1-0 di Martial. Sia i tifosi che l’Italia trovano il tempo di rimettersi in piedi: la curva espone un bello striscione di incoraggiamento per il piccolo Matteo, il figlio di Bonucci e gli azzurri pareggiano il conto nel giro di quattro minuti con Pellè. L’uomo del cucchiaio sciagurato nei rigori palpitanti contro la Germania si riscatta alla grande: la finta, con cui manda fuori tempo Varane, è un gioiello nella cupa notte barese. Ma la Francia controlla bene il gioco, fa girare la palla, vince senza strafare. Il gol del secondo vantaggio è un’altra incertezza difensiva dei nostri: Giroud con una mezza girata, dopo un’inzuccata di Kurzawa, anticipa ancora Chiellini. Ventura in panchina assiste sconsolato. La sua Italia si accende all’improvviso, sfruttando la qualità di Candreva sulla fascia, le sponde di Pellè, il movimento di Eder. Troppo poco.

Article source: http://www.corriere.it/sport/16_settembre_01/amichevoli-italia-francia-1-3-parte-male-l-era-ventura-2574a794-7086-11e6-acff-0ba0a2f56bad.shtml