Share

Brasile: addio ad Havelange scompare a 100 anni il più importante dirigente della storia del calcio

Importanza

In un’ intervista di qualche anno fa, Havelange si vantava di aver ricevuto più di mille tra premi e decorazioni, e di non aver mai lasciato senza una risposta personale decine di migliaia di lettere ricevute, dal presidente degli Stati Uniti al semplice tifoso di calcio. Molto formale, non è mai stato visto in una occasione pubblica senza giacca e cravatta, ed era impensabile parlargli senza essere vestiti allo stesso modo. Avvicinato al termine di partite che si svolgevano sotto un calore di 40 gradi, Havelange rispondeva sempre: ho imparato a non sentire più né il freddo né il caldo, è mio dovere. Formidabile atleta naturale, discreto calciatore da ragazzo e poi nuotatore olimpico, ha portato il suo 1,80 di altezza in perfetta forma fino a pochi anni fa, grazie al chilometro di bracciate quotidiane, in piscina o nell’oceano di São Conrado, il quartiere di Rio dove viveva. «Pesavo 85 chili da atleta, ne ho appena quattro in più oggi», disse durante i festeggiamenti dei suoi 90 anni. Senza aver mai bevuto, fumato e mangiato oltre lo stretto necessario. Lasciata la guida operativa della Fifa, ne è diventato presidente onorario e ha mantenuto poi fino allo scorso anno una poltrona nel Cio, alla quale ha rinunciato solo per non correre il rischio di venire espulso, per sospetti di complicità nello scandalo della Isl, colosso del marketing sportivo. Nel calcio brasiliano la sua influenza non si è mai esaurita. A lui succedette infatti Ricardo Teixeira, marito di sua figlia, il quale ha governato poi per un altro quarto di secolo. Con lui ancora in vita, Rio de Janeiro ha dedicato a Havelange lo stadio del Botafogo, il cosiddetto Engenhão diventato in questi giorni lo stadio olimpico dell’atletica. Seguirono polemiche, per cui i tifosi preferiscono tuttora usare il nome originale, o quello dell’idolo bianconero Nilton Santos.

Article source: http://www.corriere.it/sport/16_agosto_16/brasile-addio-ad-havelange-scompare-100-anni-piu-importante-dirigente-mondo-calcio-1aa9f69e-63a6-11e6-aa60-86dd3fdb1e51.shtml