Share

F1, a Monza Massa annuncia il ritiro

La carriera

Comunque sia, Massa chiude: il Gp di Abu Dhabi sarà l’ultimo, il numero 250 della sua carriera, e ha promesso che nelle 8 corse che restano non farà il pensionato, anzi, farà il campione, come sempre.
Nella sua carriera, cominciata alla Sauber, ci sono stati gli anni come collaudatore e come pilota di riserva del Cavallino, preambolo alla promozione nei panni di titolare. Accadde dalla stagione 2006, quando rimpiazzo Rubens Barrichello. E nel 2007, dopo il (primo) ritiro di Micheal Schumacher, fu una sorta di capitano che accolse il neo-arrivato Kimi Raikkonen, per quanto sia stato poi il finlandese a vincere il Mondiale proprio in quella stagione. Invece Felipe il Mondiale l’ha solo sfiorato: tutti ricorderete l’epilogo rocambolesco del Gp del Brasile 2008, quando Massa fu campione per una ventina di secondi, il tempo che passò prima che Lewis Hamilton con la McLaren ottenesse un piazzamento sufficiente a scavalcare il brasiliano della Ferrari. Quel titolo mondiale perso è il vero cruccio della sua carriera, perfino più dell’incidente del 2009 in Ungheria, quando un bullone (partito proprio dalla Brawn Gp di Barrichello) penetrò nella visiera del casco e rischiò di fargli perdere l’occhio sinistro. Ma attenzione, il rammarico non dipende tanto dallo scavalcamento di Hamilton a giochi praticamente chiusi, ma dal fatto che ancora oggi Felipe ritiene il famoso «crash gate» di Singapore (coinvolto Nelson Piquet jr e il team Renault, incluso quell’Alonso che sarebbe poi stato suo compagno alla Ferrari) la vera ragione della sconfitta. «Dell’incidente di Budapest non ricordo nulla, ma quella storia ancora oggi la rammento eccome». Forse il tempo lo aiuterà a metterci una pietra sopra. Soprattutto se il figlio Felipinho, che sembra sempre più attirato dalle corse, dovesse mai portare in famiglia quell’alloro che al padre è sempre sfuggito. Buona fortuna, Felipe. Te la meriti tutta.

Article source: http://www.corriere.it/sport/formula-1/notizie/f1-monza-massa-annuncia-ritiro-13dd8984-7035-11e6-9bf5-a376700bed7a.shtml