Share

F1, Emerson Fittipaldi «Rosberg merita il Mondiale, ma Alonso è il più forte di tutti»

La F1 la segue ancora?
«Certo, non mi perdo una gara. E sono ambasciatore del Gp del Messico»

Chi è il migliore?
«Domanda difficile: Hamilton, Vettel e Rosberg sono più o meno tutti sullo stesso livello. Ma il più completo è Fernando Alonso».

E Verstappen?
«È incredibile, è un fenomeno».

Eppure c’è chi lo critica, dicono sia troppo aggressivo. Che ne pensa?
«Macché, è il suo modo di lottare. Ed è spettacolare per questo. Sarà un campione, posso giurarci».

Tornando a Hamilton: quest’anno è in crisi. Nico sta guidando meglio e lui non riesce a reagire. Secondo lei perché?
«Non capisco cosa gli sta succedendo. Parla di problemi in partenza, boh. È un talento naturale. Non credo che abbia voglia di mollare: vincerà ancora con le capacità che ha».

La Ferrari ha deluso, se le aspettava tutte queste difficoltà?
«Speriamo che il cambio regolamentare nel 2017 porti a un maggior equilibrio, oggi domina solo la Mercedes. E’ un po’ noioso».

Anche per Vettel non è un momento facile.
«Sì, ma riemergerà. La Ferrari ha la forza di rialzarsi, come ce l’ha la McLaren».

Ma la concorrenza è forte: in F1 si entra sempre più giovani. Non è un rischio per questi ragazzi?
«Anche Chris Amon ha cominciato a 18 anni. Credo sia giusto cominciare con la maggiore età, ha fatto bene la Fia a mettere questo limite. Vedo troppi baby piloti: qualcuno guida addirittura a 3 anni. Ma come glielo lasciano fare?»

Che succede al suo Brasile, perché non sforna più piloti? Eravamo abituati a gente come lei, Senna, Piquet. Ora si ritira anche Felipe Massa, e nemmeno Nasr è confermato.
«Il mio Paese è in una grossa crisi: non ci sono più sponsor che appoggiano i giovani atleti. La corruzione dilaga, dello sport non si interessa più nessuno. Ed è un peccato. In Messico succede l’opposto: Carlos Slim ha fatto tornare il Gp, grazie a lui ci sono due piloti (Gutierrez e Perez ndr), è l’esempio per tutta l’America Latina. E poi sono molto deluso dal Brasile».

Perché?
«Tanta gente fra cui anche io ha perso un sacco di soldi investendo nel programma dell’etanolo. Poi lo Stato si è ritirato ed è crollato tutto. Dobbiamo cambiare questa classe politica».

Torniamo alla pista. Rosberg-Hamilton, alla fine chi vincerà?
«Quest’anno tocca a Rosberg».

Article source: http://www.corriere.it/sport/formula-1/notizie/f1-emerson-fittipaldi-cadfbc72-915c-11e6-ac33-c191fa0a3477.shtml