Share

F1, il mea culpa della Ferrari «Sottovalutate Mercedes e Red Bull»