Share

Italia, Ventura: «Troppa superficialità con i giovani si deve avere pazienza»

I gemellini del gol — i gemelli originali in granata erano Pulici e Graziani — salvano il «loro» c.t., l’uomo che ha lanciato prima Ciro Immobile, quindi Andrea Belotti e poi la coppia unita. Segna subito il più giovane e fa il gesto della cresta con la mano sulla fronte, perché lui è il Gallo. E anche Giampiero Ventura lo imita brevemente, mentre fa una smorfia di gioia verso la panchina. Sembra l’inizio di una nuova storia, quella di Belotti e del c.t. che lo ha aspettato un anno fa quando non segnava e ora raccoglie quel lavoro, con gli interessi. Ma lo è fino a un certo punto, perché la sofferenza è in arrivo ed è anche peggio di quella contro la Spagna. La doppietta di Immobile, che con Belotti raggiunge 28 gol nell’anno solare, evita una sconfitta clamorosa nello stadio Filippo II: «Ci serve più cattiveria in trasferta in campo europeo sennò ti mangiano – dice Ciro, confermando l’impressione di un’Italia da rivedere soprattutto nell’approccio e nell’atteggiamento -. Nel secondo tempo siamo stati un po’ molli e subito il pareggio non abbiamo reagito. Ma poi siamo sati bravi dopo il 2-1. A parte quei 10 minuti siamo sulla strada giusta, anche se c’è da lavorare. Io? Sento la fiducia dell’ambiente e mi sento dentro a questo gruppo».

Article source: http://www.corriere.it/sport/16_ottobre_10/italia-ventura-troppa-superficialita-giovani-si-deve-avere-pazienza-32caa888-8e65-11e6-85bd-f14ac05199eb.shtml