Share

La parabola vincente di Bacca da esubero a punto di forza

Le richieste

E dire che quando fu acquistato lo scorso anno dal Siviglia, i commenti su Bacca non traboccavano di entusiasmo: 30 milioni per un 29enne che pure aveva segnato 49 gol nelle due stagioni al Siviglia sembravano eccessivi. Un po’ come avvenne per Romagnoli, strappato alla Roma per 25 milioni: il popolo del web insorse per la cifra spesa per una riserva dei giallorossi. Per inciso ora lo stesso ragazzo è stato richiesto dal Chelsea di Conte, disposto a investire 35 milioni per portarlo a Stamford Bridge. Per la cronaca, l’offerta è stata respinta. Accolti con scetticismo, corteggiati da big europee e ora punti fermi del Milan del nuovo corso. Ma non basteranno Bacca e Romagnoli per garantire alla squadra rossonera un’annata da protagonista. L’allenatore non è parso entusiasta della prestazione dei centrocampisti e chiede con fermezza un giocatore da schierare davanti alla difesa. Il problema è che con risorse ridotte le uniche operazioni possibili sono in prestito con diritto di riscatto. Sulla formula del trasferimento si è arenata infatti la trattativa con il Psg per Stambouli, richiesto a titolo definitivo dallo Schalke 04 che gli offre 4 anni di contratto. Per giunta Bertolacci ha riportato l’ennesima lesione muscolare alla coscia. Per fortuna c’è Bacca, l’ex pescatore. Non ha un solco lungo il viso come una specie di sorriso però segna.

Article source: http://www.corriere.it/sport/16_agosto_23/parabola-vincente-bacca-f7b413f4-68a0-11e6-b1b2-f8e89a7ffdaf.shtml