Share

Master di Londra e n.1 del mondo: maestro Murray si prende tutto

Wimbledon (bis), l’oro di Rio (bis olimpico), il Master di Londra, il numero 1 del ranking mondiale. Una stagione così capita una volta nella vita. La vita di Andy Murray.
Lo scozzese contrario alla Brexit, l’Highlander che si è sposato in kilt e che i sudditi della regina considerano inglese solo quando vince si regala l’ultimo grande torneo dell’anno, la gara tra gli otto Maestri, in casa — a Londra —, seducendo una volta per tutte la classifica Atp, che in caso di sconfitta si sarebbe rituffata tra le braccia di Novak Djokovic, il grande deluso.
Alla O2 Arena è una finale a senso unico (6-3, 6-4 in 1h43’): nonostante la maratona di Andy in semifinale con Raonic e la passeggiata di Nole con Nishikori quello cotto dalla stanchezza è il serbo, irriconoscibile sotto il peso degli errori gratuiti e di una vacuità che coinvolge e travolge ogni aspetto di un tennis una volta irresistibile. Senza nerbo, irrimediabilmente appagato dal titolo del Roland Garros conquistato a giugno (l’unico Slam della collezione privata che gli mancava), il Djoker si consegna senza lottare all’ennesima delusione di una stagione che è impossibile definire negativa ma che è precipitata da Parigi in poi, impossibile da risollevare anche per Pepe Imaz, il «guru» che siede in tribuna con Becker e Vajda, gli impotenti allenatori dell’impotente ex numero 1 del mondo.
Vince Murray, e si prende tutto. «Un inseguimento durato anni, costato molti sacrifici a me e alla mia famiglia» dice Andy commosso, prima di sprofondare nelle meritate vacanze (la finale di Davis, il prossimo weekend, Croazia-Argentina, non lo riguarda) con la moglie Kim e la piccola Sophia. Uno scozzese a Londra è un tema più affascinante di un americano a New York.
Da gennaio 2017, quando si ripartirà dall’Australia, sarà un altro Djokovic. Ma questo Murray, intanto, fa paura. E si merita l’abbondanza.

Article source: http://www.corriere.it/sport/16_novembre_20/master-londra-n1-mondo-maestro-murray-si-prende-tutto-ec64fc8c-af5b-11e6-8815-37f3520714e8.shtml