Share

Milan, adesso occorre continuità Montella: «Scordiamoci il passato»

In mezzo si cambia

C’è solo il presente, allora con la sfida alla vecchia conoscenza Simone Inzaghi. «Un allenatore pratico, alla guida di una squadra sorniona, che ci potrebbe concedere campo difendendosi bassa per colpirci in contropiede, con esterni molto forti e la capacità di fare male sui calci piazzati». I rossoneri almeno sanno a cosa dovranno stare attenti. Ma il gioco più appassionante della vigilia e’ capire se ci saranno altri intoccabili destinati alla panchina, dopo Bacca. «Credo che sia importante avere una sana competitività interna». Per esempio il tecnico annuncia diversi cambiamenti a centrocampo, perché la coperta è corta, molti giocatori sono scesi sempre in campo e dopo la Lazio domenica ci sarà la trasferta a Firenze. «Qualcosa cambierò di sicuro. Montolivo e’ stanco? Non penso, anche se con Bonaventura, Abate e Suso è tra quelli che hanno giocato di più». In mezzo rientra di sicuro Kucka, mentre in allenamento è stato anche provato il giovane Locatelli play davanti alla difesa. «Il ragazzo e’ entrato bene ed è cresciuto fisicamente. È giovanissimo ma ha personalità, sono contento del suo percorso». Poi Montella sa bene che è il centrocampo il reparto più in difficoltà. «Il nostro progetto tattico richiede che i centrocampisti abbiano la centralità del gioco, adesso sono andati bene a fasi alterne, con le certezze tattiche miglioreranno».

Article source: http://www.corriere.it/sport/calcio/serie-a/2016-2017/notizie/milan-adesso-occorre-continuita-montella-scordiamoci-passato-cd3ca842-7e5e-11e6-b738-f3f4294a9e26.shtml