Share

Milan-Juve, bianconeri irregolari gli obblighi dei rossoneri

Tornando agli aspetti più tecnici della partita, il Milan è in crescita e la Juve abbastanza immobile. Vince non giocando benissimo. La praticità della squadra sembra aver colonizzato la parte artistica, non si notano molto le differenze dei nuovi. È come se Allegri avesse passato una mano di grigio su tutto perché si fida di più delle tinte uniche. Questo la sta rendendo meno convincente in Champions, più omologata e anche più esposta alle stranezze di avversari tipo Siviglia e Lione. Ma il Milan nel profondo, è dello stesso genere. Ha un po’ di disordine in mezzo al campo, non una fantasia eccelsa, ma trova molti gol, ha un attacco fisico e tecnico. Nella sua foga giovanile Niang copre lo stesso gioco di Dybala, Bacca per rendimento quello di Higuain. Il Milan prende più facilmente gol della Juve ma segna con più facilità. Non è ancora un vero avversario, ha bisogno di tempo. Per questo sarebbe importante non perdere stasera, perché il margine di crescita è leggero, non automatico, ha bisogno di cura. È una partita aperta nonostante la maggior forza complessiva della Juve, perché il Milan ha molti modi per trovare il gol. La Juve è il puledro vero, ma il Milan è un tafano di razza, fastidioso. Racconterà se la Juve ha difficoltà di gioco o di singoli e come si può confrontare il Milan con la stagione. Per adesso è una delle 4 squadre a poter ancor vincere il campionato secondo i numeri. Le altre sono Juve, Roma e Napoli, cioè le uniche che hanno perso 2 o meno partite. Ed essendo la statistica una piccola scienza, perdendo stasera il Milan salirebbe a 3 sconfitte, cioè sarebbe fuori. Per questo conviene resistere.

Article source: http://www.corriere.it/sport/calcio/serie-a/2016-2017/notizie/milan-juve-bianconeri-irregolari-obblighi-rossoneri-dfd379c2-97c7-11e6-bd66-b2bce124488b.shtml