Share

Nazionale. Rigori, bufere ed esilio dorato: riecco Pellé

Inattesa per molti versi è anche la prima chiamata del nuovo c.t. Giampiero Ventura: ovviamente non per la bufera scatenata dal gesto provocatorio di Pellé a Neuer prima del rigore — come a dire: adesso ti faccio il cucchiaio — ma per il fatto che a 31 anni appena compiuti il giocatore ha lasciato la Premier League e il Southampton, dove non era più titolare e ha scelto il campionato cinese: Pellé ha dimezzato le vacanze, dato che ha ripreso a giocare molto prima di tutti gli altri azzurri, ma ha decuplicato l’ingaggio, diventando con 15 milioni il giocatore italiano più pagato (di oggi e di sempre) e il quinto più ricco al mondo, dietro Ronaldo, Messi, Hulk e Neymar. Graziano da San Cesario guadagna al Luneng — dove è stato accolto come una star al suo arrivo con la fidanzata ungherese Viktoria — come Zlatan Ibrahimovic al Manchester United: 15 milioni all’anno, ovvero circa 1800 all’ora. Con un contratto che scade nel dicembre 2018.

Article source: http://www.corriere.it/sport/16_agosto_29/nazionale-rigori-bufere-ed-esilio-dorato-riecco-pelle-c09f5e70-6d4e-11e6-baa8-f780dada92e5.shtml