Share

Nizza adora SuperMario e l’arbitro (che lo ha espulso) lo perdona

Un momento molto delicato per il centravanti italiano, che a Nizza è stato accolto come un re e che deve dimostrare di essere cambiato rispetto al passato: da lui ci si aspetta continuità negli allenamenti, disciplina e concentrazione, per tornare un campione dopo le due ultime stagioni buttate al Liverpool e al Milan. L’espulsione di domenica avrebbe potuto rappresentare l’inizio di un ennesimo passaggio a vuoto, invece i tifosi e l’allenatore lo hanno subito difeso. «Il primo cartellino giallo l’ha preso perché si è tolto la maglia dopo avere segnato, e va bene — ha detto Lucien Favre —. Ma il secondo è incomprensibile, dalla panchina mi è sembrato che Mario non abbia fatto proprio niente». E in effetti dalle immagini televisive è apparso evidente che il secondo giallo è stato dato, a entrambi i giocatori, con troppa severità. Si sono affrontati sulla fascia sinistra e poi si sono avvicinati l’uno all’altro con aria minacciosa, ma poi si sono allontanati senza dire una parola e senza un gesto.

Article source: http://www.corriere.it/sport/16_ottobre_04/nizza-adora-supermario-l-arbitro-perdona-4673b140-89a1-11e6-8283-10451de6e209.shtml