Share

Olimpiade di Rio 2016, Paola & Miriam, le mani pesanti del volley italiano multietnico

Sono il volto nuovo dell’Italia rosa del volley, le ragazzine terribili di un’Azzurra che deve scalare un girone di ferro per provare a sintonizzarsi con la gloria: «Vivremo alla giornata: un passo alla volta. Ma ci crediamo: manderemo in campo la forza di un gruppo». Sono, soprattutto, l’immagine di una Nazione, e di una Nazionale, sempre più multietnica. Con la discussa esclusione di Valentina Diouf si è perso il terzo vertice di questo particolare triangolo della rete. Ma rimangono gli altri due. Paola Egonu, 18 anni, e Miriam Sylla, 21, schiacciatrici: le nostre mani «pesanti» sono nere perché questo è il colore della pelle rispettivamente della ragazza nata a Cittadella, cresciuta a Galliera Veneta e oggi in forza al Club Italia, e della palermitana con radici ivoriane che adesso vive e gioca a Bergamo perché tra Nord e Sud si snodano pure le vicende, degne di un romanzo, della sua famiglia.

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/paola-miriam-mani-pesanti-8613a838-5b3d-11e6-bfed-33aa6b5e1635.shtml