Share

Olimpiadi di Rio 2016: azzurri a caccia del podio, Detti cerca la medaglia Federica un’altra finale

Nell’unica acqua sicuramente pulita di Rio, la prima missione da podio è quella di un ragazzo solido, con i cinque cerchi tatuati sulla pelle e le idee molto chiare: «Ho lavorato bene, ho l’allenatore migliore, il compagno di allenamento migliore: ora tocca solo a me». Il 16 maggio a Londra Detti è diventato campione europeo dei 400 stile libero, il suo primo grande titolo internazionale. Ora il nuovo difficilissimo ma possibile passo è una medaglia olimpica. «La gara che sento più mia» è anche una delle più equilibrate e indecifrabili del programma. Gabriele con il suo 3’43”97 ha il quinto tempo mondiale dell’anno, ma il ranking — guidato dall’australiano Horton davanti all’enigmatico Sun Yang — somiglia più a una tonnara: tutti vicini, tutti nella schiuma. Fondamentale sarà bilanciarsi bene in batteria senza sprecare troppe energie; poi, in finale, non cadere nel trappolone dei partenti a schioppo, visto che Gabriele, grande interprete del «negative split», gareggia in progressione: i secondi 200 più veloci dei primi.

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/azzurri-caccia-podio-detti-cerca-medaglia-federica-un-altra-finale-533d96b0-5b44-11e6-bfed-33aa6b5e1635.shtml