Share

Olimpiadi di Rio 2016: ciclismo, Nibali cade e si gioca la medaglia pallanuoto Italia-Spagna 9-8

Nuoto

Prima gara del programma e prima delusione per l’Italia: Federico Turrini, che aveva il sesto tempo del 2016, resta fuori dalla finale con una prestazione molto sottotono: 4’18”39 contro il suo 4’11”95 di quest’anno. Per lui settimo posto in batteria dietro anche a Luca Marin sesto in 4’17”88. Primo tempo per l’americano Chase Kalisz, impressionante in 4’08”12 davanti ai giapponesi Seto (4’08”47) e Hagino 4’10”. In finale si entrava in 4’13”85, tempo alla portata dei nostri. Aspettiamoci una super finale.
Clamorosa eliminazione anche di Ilaria Bianchi che non entra neanche in semifinale: il suo 58”48 la tiene fuori dalle prime sedici. Si entrava in semi in 58”1, ampiamente alla sua portata. Un’altra delusione azzurra. Comanda Sarah Sjostrom in 56”26 davanti all’americana Worrell 56”97.
Molto bene Gabriele Detti che si qualifica alla finale con 3’43”95, suo record personale, terzo tempo assoluto dietro Dwyer (3’43”42) e Horton (3’43”84). L’ultima batteria è stata velocissima e ha sfruttato il riferimento della precedente, vinta (in grande scioltezza) dal cinese Sun Yang in 3’44”23. Eliminati a sorpresa Park, campione olimpico in carica, e Cochrane. Sarà una grandissima finale. «Non ero tranquillissimo – ha commentato Detti – ma ho spinto abbastanza perché non sai mai che cosa può succedere. Tutti erano partiti forti e allora sono andato forte anch’io per non restare fregato. In finale servirà fare molto meno. I favoriti? Sun Yang e Horton. Ci metterei la firma a finire così anche in finale».
Katinka Hosszu, la Lady di ferro, stampa con 4’28”58 il primo record dei Giochi: è europeo, ma per appena 15 centesimi non è mondiale. Prestazione monstre, garanzia di spettacolo in finale dove dominerà. Male le azzurre, lontanissime dai loro migliori tempi: Luisa Trombetti 26,a in 4’45”53, Sara Franceschi 30esima in 4’48”48. Il fenomenale inglese Adam Peaty stabilisce poi il primo record mondiale dei Giochi con uno straordinario 57”55 (26”69 ai 50), frantumando il suo precedente di 37 centesimi. Un marziano. Fuori anche dalla semifinale Andrea Toniato, 22° in 1’00”45, tempo sui livelli del suo rendimento nel 2016. L’Italia della 4×100 stile libero femminile entra in finale con il quarto tempo dietro Australia, Usa e Canada con un 3’35”90 che vale il record italiano. I parziali: Ferraioli 54”91, Di Pietro 53”96, Pezzato 53”86 e Pellegrini 53”17. Una grande prestazione: l’obiettivo é raggiunto. Adesso in finale per divertirsi. E magari per qualcosa di piu.

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/olimpiadi-rio-2016-zublasing-gia-fuori-giochi-programma-giornata-cbc5df56-5bd1-11e6-bfed-33aa6b5e1635.shtml