Share

Olimpiadi di Rio 2016: fioretto maschile oro per Daniele Garozzo

È una bella storia di una scherma che non tradisce mai e che imbottisce sempre il medagliere olimpico. Ma ieri c’è stata anche un’Italia delle delusioni. Da incubo, dicevamo, quella che ha impedito a Giorgio Avola la promozione alla semifinale. Dopo un tenace testa a testa, Giorgio aveva messo nel sacco Massialas. Ma sul traguardo è successa una cosa che in pedana non è poi così rara: ti salta il profilo mentale e a quel punto perderesti perfino contro un paracarro. Avola è stato riavvicinato, risucchiato, e infine divorato: 15-14, coma totale dal +6 del 14-8. «Arrivato a quota 14, mi pareva tutto molto semplice. Ma ho perso contatto con il match. Colpa mia, ho buttato via l’Olimpiade». Nervosismo? Ansia da ultimo metro? No, dopo aver mandato a casa il tedesco Joppich, un cliente sempre rognoso, il ragazzo di Modica era tranquillo e sosteneva «di aver molto da dare». Il buio improvviso ha distrutto il suo progetto. La luce su Andrea Cassarà si è invece spenta negli ottavi contro il britannico Kruse: nel cuore dell’assalto si è aperto un burrone (da 3-5 a 5-10) dal quale il bresciano ha provato a risalire. C’era quasi riuscito, ma sull’11-13 ecco la capitolazione: gli è stato negato il colpo del 12-13, «quello — commenta Andrea — che mi avrebbe permesso di raccontarvi altre emozioni». Invece anche la quarta partecipazione ai Giochi gli dice male a Cassarà sul piano della vittoria individuale: «Sento troppo questa gara. E a 32 anni quell’oro diventa un mito inafferrabile. È una brutta botta». Andrea si consolerà con le nozze con la sua Sissi e dando un’occhiata a una bacheca comunque importante. O con una gioia che a Rio potrebbe arrivargli di nuovo dalla gara a squadre. Allarghiamo i sogni, a maggior ragione dopo il trionfo di Garozzo: l’Italia è campione in carica, hai visto mai che un oro tira l’altro?

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/olimpiadi-rio-2016-fioretto-maschile-oro-daniele-garozzo-9b3a1908-5ce2-11e6-bfed-33aa6b5e1635.shtml