Share

Olimpiadi di Rio 2016, l’antidoping? Pochi successi (per il momento)

Alla fine, tra controlli carenti o troppo sofisticati per funzionare, l’unica sostanza che si è certi di beccare è la vecchia canna, che però pare non fumare più nessuno. Non è un caso che la nuotatrice russa Efimova, ammessa a Rio a dispetto di una vecchia positività e di un «caso meldonio» in corso, abbia risposto alla collega americana Lily King che la criticava di ricordarsi della canna che nel 2009 costò a Michael Phelps tre mesi di sospensione. Il rischio è che i dati di Rio arrivino con l’ormai noto effetto tsunami: si dopano oggi, ma l’onda lunga dei referti arriva solo alla vigilia di Tokyo 2020.

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/antidoping-pochi-successi-per-ora-442987f8-60d3-11e6-92f0-b1559c509232.shtml