Share

Olimpiadi di Rio 2016, nuoto: Chalmers nuovo re dei 100 sl

Gli altri

Il compagno Chalmers, signore, ha commentato: «Non voglio esultare troppo perché so quanto è dura per lui». McEvoy aveva il primo tempo dell’anno (47”04) ma l’Olimpiade, si sa, è un’altra storia. Lo sa bene anche Luca Dotto, che con il suo 47”96 dei campionati italiani sarebbe arrivato quinto. E’ invece uscito in semifinale in 48”49, deluso e, come quasi tutti i nuotatori italiani in questi Giochi, stanco e senza una spiegazione. La staffetta 4×200 stile ha dato a Katie Ledecky la quarta medaglia di questi Giochi, la terza d’oro: gli Usa, senza la Franklin esclusa dopo la batteria, con Katie in quarta frazione dopo Schmitt, Smith e DiRado, hanno regolato Australia e Canada in 7’43’03. Partita seconda con 89 centesimi di ritardo, la Ledecky ai 50 aveva già preso la testa e non l’ha più mollata. Nei 200 rana uomini Dmtriy Balandin ha regalato la prima medaglia olimpica della storia al Kazakistan spuntando dalla corsia 8 per trionfare in 2’07”53. A 7 centesimi l’americano Prenot, terzo il russo Chupkov in 2’07”70. Bellissimi i 200 farfalla donne: l’ha spuntata la spagnola Belmonte Garcia in 2’04”35, appena 3 centesimi meno dell’australiana Groves; terza la giapponese Hoshi in 2’05”20. E’ tornato in vasca Phelps nelle semifinali dei 200 misti: ha segnato il primo (1’55”75) davanti all’amico rivale di sempre Lochte (1’56”18) e al brasiliano Pereira (1’57”11). La finale, con il giapponese Hagino (4° in 1’57”38) in agguato, promette di essere l’ennesimo grande show.

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/olimpiadi-rio-2016-nuoto-chalmers-nuovo-re-100-sl-e6b2c338-5f8c-11e6-bfed-33aa6b5e1635.shtml