Share

Olimpiadi di Rio 2016, Paltrinieri, i tuffi alle Eolie, le gare vinte contro papà e la gioia di essere d’oro

È un bravo ragazzo, ma fuori dall’acqua veste come una star. Si è fatto fotografare sulle riviste in tutte le posizioni. Da junior, il suo idolo era Filippo Magnini, il fidanzato della Pellegrini: «Guardavo come si muoveva, cosa diceva, cosa mangiava». Ostenta benevolenza verso Gabriele Detti, che a Rio ha conquistato due bronzi, la prima notte sui 400 e l’ultima sui 1.500: un bravo atleta, ma uno scudiero. Greg, finto umile, è il nuovo portabandiera dello sport italiano, della generazione successiva a quella di Federica. Il maratoneta del nuoto. Uscito dalla vasca ha mandato un bacio a Letizia, la fidanzata, in lacrime: «La conosco dai tempi della scuola, stiamo insieme da quattro anni». C’erano anche mamma e papà, ovviamente. La signora Lorena lo vide uscire di casa a 17 anni, per andare ad allenarsi a Ostia: «All’inizio dissi no. Poi mio marito e Greg mi presero in mezzo. E mi hanno convinto. Ne valeva la pena». Da giovane, Phelps — che ha vinto il ventitreesimo oro — diceva di saper solo mangiare, dormire e nuotare. «Io non so fare molto altro — ride Paltrinieri —. Ho provato a giocare a calcio, ma mi mettevano in porta. A scuola giocavo a basket, ma ero solo alto» (1 e 91). «Ora però mi sono iscritto all’università: scienze politiche. Prima o poi il nuoto finirà. Ma stanotte non ci voglio pensare. Sono troppo concentrato sulle mie emozioni».

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/olimpiadi-rio-2016-paltrinieri-tuffi-eolie-gare-vinte-contro-papa-gioia-essere-d-oro-b157942a-61df-11e6-80ce-6e3612708f11.shtml