Share

Olimpiadi di Rio 2016, skeet Da Gabriele Rossetti quinta medaglia d’oro per l’Italia

24 anni dopo il padre

Gabriele, figlio di Bruno Rossetti bronzo a Barcellona 1992, aveva raggiunto la finale per l’oro con una sequenza perfetta di final shot di 16 su 16. Ma Bruno Rossetti è (oggi) anche l’allenatore della nazionale francese: due suoi atleti sono stati battuti da Gabriele nelle qualificazioni. «Mi è dispiaciuto battere Delaunay e Terras» spiega Gabriele. «Sono rivali ma anche amici con cui spesso mi alleno. Ma oggi era io o loro, è lo sport». «Alleno gli avversari di Gabriele, ma il mio cuore batte sempre per lui», ha poi confessato il padre a fine gara. Aggiungendo: «L’oro vinto oggi da Gabriele è una specie di rivincita dal mio terzo posto olimpico: ero primo e scivolai al terzo posto all’ultimo piattello. Lui oggi è diventato oro proprio all’ultimo piattello…. E ora mi chiedo: ma il figlio di Gabriele cosa dovrà fare?» chiude ridendo. «Mio padre non perse un bronzo, come dice lui, ma lo conquistò. E io oggi ho preso l’oro: abbiamo allargato la bacheca di famiglia, e questa medaglia è anche sua. Guida un’altra nazionale, ma il suo cuore è con me» replica Gabriele. Che aggiunge un «grazie al c.t. Andrea Benelli».

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/olimpiadi-rio-2016-skeet-gabriele-rossetti-quinta-medaglia-d-oro-l-italia-869b44d0-6184-11e6-8e62-f8650827a70c.shtml