Share

Paralimpiadi di Rio 2016, doping Russia. Medvedev: «L’esclusione un duro colpo a tutti i disabili»

«Doping di stato? Impossibile in linea di principio»

La tesi di Medvedev, insomma, parte dal «così fan tutti». Nel secondo punto, infatti, il primo ministro sottolinea come il doping sia «purtroppo, utilizzato in tutti i paesi e in quasi tutti gli sport» per «selezionare atleti, medici e allenatori». Riguardo al possibile doping di Stato di cui lo sport russo è accusato non solo a livello paralimpico – la Russia di atletica leggera non ha potuto partecipare alle Olimpiadi di Rio de Janeiro appena concluse -, a detta di Medvedev «è impossibile in linea di principio», «sebbene, naturalmente, le azioni deliberate di vari personaggi, con manipolazioni dopanti, possa esistere. E queste azioni devono essere condannate, e quelli che le hanno commesse puniti in presenza di prove reali e tangibili delle loro azioni. Ma solo se queste prove sono state ottenute in conformità con le procedure e le leggi».

Article source: http://www.corriere.it/sport/olimpiadi-2016-rio/notizie/paralimpiadi-rio-2016-doping-russia-medvedev-l-esclusione-duro-colpo-tutti-disabili-476f9ba8-6940-11e6-8470-1b8893e36b4b.shtml