Share

Roma-Udinese 4-0: poker senza bluff, e i giallorossi ora aspettano il Porto

Nella ripresa Spalletti ha alzato un po’ la posizione di Nainggolan — passato dietro a Dzeko in un 4-2-3-1 a tutti gli effetti e non più in un 4-3-3 mascherato — e poco prima dell’ora di gioco ha inserito Perotti, cioè la variabile che mancava. La Roma ha preso campo e creato occasioni già prima dell’ingresso dell’argentino, ma è letteralmente esplosa con Perotti in campo. C’è chi dice che l’argentino abbia gradito molto poco la sostituzione a Porto (dopo l’espulsione di Vermaelen, al 40’ p.t.) e che Spalletti si riferisse a lui quando, nella conferenza stampa di venerdì, in cui è crollato nella trappola delle pagelle «tarocche» dei giornali portoghesi, ha parlato di giocatori «che vengono con il musino perché non hanno giocato e che così non giocheranno neanche la prossima». Fatto sta che Perotti ha completamente cambiato la gara, segnato due rigori (il primo non limpidissimo su Dzeko, il secondo nettissimo su Salah) e servito l’assist del 4-0 per Salah, il migliore in campo tra chi ha giocato 90’. L’importante, nella vita, è essere in buona fede: sbagliare e correggersi è sempre una grande qualità. Martedì sera è in arrivo il Porto e Manolas che ha chiesto il cambio a pochi minuti dalla fine è una preoccupazione. Lo staff medico della Roma conta di recuperarlo e ce n’è bisogno: Vermaelen è squalificato e Florenzi alle prese con un problema al polpaccio (come Paredes, che ha giocato una discreta partita ma è tutt’altra cosa rispetto a Pjanic). L’Udinese ha retto fino a quando ha tenuto il fiato. I giallorossi, anche per il preliminare di Champions League, sono fisicamente più avanti. I soldi «veri» della famiglia Pozzo, ormai, vanno al Watford, che ricambia con i proventi della Premier League. L’unico obiettivo sembra la salvezza.

Article source: http://www.corriere.it/sport/calcio/serie-a/2016-2017/notizie/roma-udinese-4-0-poker-senza-bluff-giallorossi-ora-aspettano-porto-a3250794-6760-11e6-b2ea-2981f37a7723.shtml