Share

Salvate il soldato Verstappen Rischia di rovinare il suo talento

Errori

Ma non sempre è così. Può essere che nella partenza del Gp del Belgio 2016 Max abbia approfittato del fatto che Kimi Raikkonen non gli ha chiuso completamente la porta all’interno della curva 1. Ma è anche indiscutibile – è lì da vedere nei replay televisivi – che la sua manovra sia stata presuntuosa, forse arrogante, di sicuro un tributo a un’inesperienza che non fa sconti a nessuno. Verstappen, che oltretutto non era stato autore di una gran partenza, non si ricordava com’è fatta la «Source»? Non rammentava che lì si creano imbottigliamenti pazzeschi, capaci di rovinare una corsa? Ed era sensato buttare fiches importanti subito e alla curva iniziale, quando c’erano poi da completare 44 giri pieni di trappole e di imprevisti? Tanti sottolineano che l’olandese ha molti punti in comune, soprattutto nel cinismo di certe scelte, con il Michael Schumacher della prima parte della carriera. Può essere, ma è bene dire che per questo modo di fare Schumi ha anche gettato alle ortiche dei titoli iridati e si è beccato perfino sanzioni dure (ad esempio quella che gli ha levato tutti i punti iridati dopo lo scontro di Jerez nel 1997 con Jacques Villeneuve). I fautori del «verstappenismo» tenderanno invece a dare ragione a Max, il quale, dal canto suo, ha già spiegato di non essere stato affatto aggressivo e, semmai, di essere stato aggredito dai rivali. Questo andazzo galoppante, abbinato al silenzio degli steward (che gli hanno perdonato una successiva e più chiara scorrettezza contro Raikkonen), rischia solo di rovinare uno dei più forti giovani che si siano mai visti in F1. Per favore, salvate il soldato Verstappen.

Article source: http://www.corriere.it/sport/16_agosto_28/f1-spa-verstappen-belgio-c06901c2-6d26-11e6-baa8-f780dada92e5.shtml