Share

Serie A, Atalanta-Torino 2-1: errore di Hart e i nerazzurri fanno la rimonta

Illusione granata

Brutta sconfitta per i granata, che pure erano andati in vantaggio con Falque a inizio ripresa, prima dell’immediato pareggio di Masiello. Ma la squadra di Mihajlovic ha pagato l’assenza dei suoi due attaccanti migliori, Belotti e Ljajic. Rispetto alle previsioni Gasperini ha cambiato modulo e giocatori, niente linea a tre ma a quattro, con l’obiettivo chiaro di mettersi a specchio col Toro proponendo lo stesso modulo di Mihajlovic. Partita ruvida fin da subito, Bovo viene ammonito già dopo una manciata di minuti, mentre la prima chance è granata, con Benassi, che al 10’ impegna Sportiello con un tiro improvviso dal limite che il portiere nerazzurro alza sopra la traversa. E’ un Toro molto diverso rispetto alle prime due partite, molti i volti nuovi arrivati nel finale di mercato, a partire da Valdifiori che – forse per lo scarso rodaggio, fisiologico – non dimostra ancora di poter dare al centrocampo quella qualità mancata finora. Partita equilibrata, tattica, difese attente. I due centravanti, Pinilla e Maxi Lopez, faticano a trovare aria marcati come sono da due stopper. Episodio quasi comico al 20’, quando l’Atalanta praticamente si leva un gol da sola: girata vincente di Konko in area, la palla sta per entrare ma Pinilla è sulla traiettoria e involontariamente la devia fuori.