Share

Serie A, Napoli-Milan 4-2: Callejon affonda un Diavolo che perde la testa

E invece il Milan almeno il cuore ce l’ha e nel secondo tempo si fa bello. Per la verità anche l’inizio era stato incoraggiante: personalità e giro palla, anche un’azione da gol sprecata Abate (cross teso da sinistra di Niang). Il Napoli, una volta messo al sicuro il risultato, gioca in scioltezza. Anche troppo. Così a inizio ripresa si addormenta e il Milan si fa bello e torna in fretta dentro la partita, due gol in quattro minuti, il primo di Niang, il secondo di Suso. Due reti che gelano il San Paolo. Ma la doppia bastonata risveglia gli azzurri che riprendono ad attaccare. E quello che Milik aveva fatto nel primo tempo, lo fa una vecchia conoscenza: Callejon, lesto a ribattere prima la corta respinta di Donnarumma e poi quella impacciata con una mano di Romagnoli. Una doppietta che regala felicità ai napoletani e la consapevolezza che si può lottare per lo scudetto anche senza il Pipita. Milik, come detto, si farà. E il resto della squadra manda segnali incoraggianti. Callejon è letale, Mertens è imprendibile e mette lo zampino in due reti. E Zielinski, quando entra in campo, nel giro di un minuto avvia l’azione del nuovo vantaggio. Sarri, espulso sul 2-1, può essere soddisfatto. E al novantesimo il San Paolo, diffidente all’inizio e forse arrabbiato con De Laurentiis, si scioglie in un applauso alla squadra. Il Napoli c’è. Il Milan invece ha bisogno di rinforzi. E il tempo sul mercato sta finendo.

Article source: http://www.corriere.it/sport/calcio/serie-a/2016-2017/notizie/serie-a-napoli-milan-4-2-callejon-affonda-diavolo-che-perde-testa-8a2e8758-6c95-11e6-b596-7d930840a380.shtml